• Il nostro presidente

  • Siamo In Diversi

  • Mensa

  • Ciclo-officina

  • Falegnameria

  • Internet Point

  • Scuola di Cucito

  • Guardaroba

Copyright 2017 - Caritas Diocesana - Via delle Cataratte, 13, 57122 Livorno, Tel. 0586-884693 - P.IVA. 92089340498

IL PANE E LA FRATERNITA' - Giornata Mondiale dei Poveri 2017

In occasione della prima Giornata Mondiale dei Poveri, domenica 19 novembre, la Caritas di Livorno ha organizzato un momento di festa e condivisione con le persone più svantaggiate.

Istituita da Papa Francesco alla fine del Giubileo della Misericordia, la Giornata Mondiale dei Poveri si offre come opportunità di incontro e di solidarietà. Nel suo messaggio, il pontefice  ha richiamato tutte le persone, non solo i fedeli, a cogliere l'occasione per aprirsi al prossimo e alle sue necessità.

La Chiesa livornese ha risposto con iniziative di preghiera, convivialità e comunione in ogni vicariato e con l’iniziativa promossa dalla Caritas per la giornata di ieri.

Alle 11.00 il Vescovo ha celebrato la messa nella Chiesa di SS. Maria Assunta in Torretta e, alla fine, ha inaugurato presso la parrocchia il Centro Culturale Africano.

Alle 12.30, in via Donnini 167, si è tenuto il pranzo con i poveri, seguito da attività di animazione e dalla proiezione di un film. "Non ci siamo riuniti per dare un pasto- spiega Suor Raffaella Spiezio, presidente della Fondazione Caritas Livorno- ma per sedere insieme a tavola e condividere il pane e la fraternità. Un grazie particolare va a tutti i volontari e ai ristoratori che, rispondendo al nostro appello, hanno dato un contributo alla realizzazione di questa festa". Sono cinque i ristoranti che hanno aderito all’iniziativa offrendosi di preparare i pasti che sono stati serviti dai volontari: la Barcarola, Caciaia, Lo scoglietto, Dalla Wilma e il catering Momenti conviviali.

Nella giornata di oggi, invece, la Caritas ha in programma un pellegrinaggio con merenda a Montenero con i ragazzi e le ragazze dei progetti di accoglienza per profughi, richiedenti asilo e rifugiati.

f t g m