• Il nostro presidente

  • Siamo In Diversi

  • Mensa

  • Ciclo-officina

  • Falegnameria

  • Internet Point

  • Scuola di Cucito

  • Guardaroba

Copyright 2019 - Caritas Diocesana - Via G. La Pira, 9 - 57121 Livorno - Tel. 0586-884693 - P.IVA. 92089340498

ON THE ROAD, ACCANTO AGLI ULTIMI

È stato presentato alla città stamani Binario Mobile, il nuovo servizio della Caritas di Livorno. A partire da stasera, per tre giorni alla settimana gli operatori e volontari della Caritas presidieranno piazza Dante a bordo di un camper per offrire vicinanza, ascolto e aiuto alle persone senza dimora che, di notte, cercano rifugio nell’area.
I giorni di servizio saranno il martedì, il giovedì e la domenica dalle 18 alle 22 (continua)

L'incontro si è svolto nel parcheggio coperto per cicli e motocicli all'esterno della Stazione, in una giornata baciata dal sole. “Per noi quello di oggi è primo importante traguardo” ha spiegato Suor Raffaella Spiezio, presidente della Fondazione Caritas Livorno. “Da tempo sogniamo di poter testimoniare la nostra vicinanza alle persone che vivono nel bisogno più assoluto. Il nostro servizio non prevede la distribuzione in strada di beni materiali: altre realtà portano avanti meritoriamente un lavoro di questo tipo e Caritas ne sostiene quotidianamente l’impegno. Binario Mobile sarà un luogo di incontro, di relazione, di creazione e consolidamento di legami. Il nostro obiettivo è orientare e accompagnare le persone più povere nell’accesso ai servizi che il territorio mette a loro disposizione”.


Suor Raffaella ha inoltre insistito sull’importanza della rete che, su stimolo della Caritas, è nata intorno al nuovo progetto. Ne fanno parte istituzioni come il Comune, la ASL, la Questura e realtà del terzo settore come SVS, Croce Rossa, Coop Il Simbolo, Associazione La Casa, Associazione Medici Cattolici, Coop Arnera, Arci, Associazione Cure Palliative. “E’ un risultato di cui è difficile sottovalutare l’importanza. Il nostro sogno è arrivare a costituire una sorta di segretariato sociale diffuso a bassa soglia per le persone senza dimora” ha detto la presidente della Fondazione Caritas Livorno.


Un particolare ringraziamento è stato infine rivolto alla Fondazione Livorno (per l’occasione rappresentata dal vice presidente Marcello Murziani), che ha finanziato il progetto, e all’SVS che ne è stata partner fin dall’inizio.
Il Vice presidente della fio.PSD Alessandro Carta ha offerto ai presenti una breve ed efficace panoramica del fenomeno generale della grave emarginazione adulta. Il Questore Orazio D’Anna, sentitamente ringraziato da Suor Raffaella per l’entusiastica adesione al progetto, ha sottolineato l’importanza che presìdi di prossimità come Binario Mobile hanno anche ai fini della sicurezza e della vivibilità della città, mentre la capo di gabinetto dalla Prefetta, Ernesta D’Alessio, ha sottolineato il valore di un approccio alla povertà che prenda a cuore la persona nella sua globalità e non solo i bisogni materiali che la assillano. Parole di soddisfazione per lo spirito di collaborazione che ha animato le fasi preliminari del progetto sono arrivate da Paola Carletti, responsabile dell’Ufficio Marginalità del Comune di Livorno.


A chiudere l’iniziativa è stato l’intervento del Vescovo di Livorno. Monsignor Giusti ha rivolto un appello a tutta la comunità cristiana perché si faccia promotrice di una nuova stagione di responsabilità e attenzione ai bisogni dell’altro. “Ai cattolici chiedo un impegno concreto per la giustizia, la riscoperta di una passione civile e di uno spirito di solidarietà. Noi facciamo tanto, ma siamo come quelli che cercano di svuotare l’oceano con un secchiello. Solo che l’oceano di povertà e di disagio in cui anneghiamo non è una elemento naturale, ma frutto di scelte sbagliate e di una società che non ha a cuore i più deboli”.


A queste parole ha fatto eco il ringraziamento finale di Suor Raffaella che ha ricordato anche il corso di formazione per i volontari che prenderanno servizio sul camper, avviato poche settimane fa e frequentato da 30 allievi, molti dei quali giovani. “La speranza per i poveri sono i volontari- ha detto- perché loro possono mettere in moto quel contagio solidale, quel cambiamento da cui può nascere una società nuova e più giusta”.

f t g m